campicolorati

"Per diventare persone complete dobbiamo percorrere molti sentieri; per possedere davvero qualcosa è necessario prima di tutto dare. Non si tratta di un controsenso: solo chi condivide le proprie multiple e diverse capacità, la propria vera amicizia, il senso di comunità e la conoscenza della terra, sa di essere al sicuro ovunque vada." (Bill Mollison)

realizzazioni orto a confronto


Riporto qui i diversi sistemi di realizzazione aiuole e pacciamatura:

 in biodinamica (vedi "L'orto biodinamico" di Heynitz/Merckens) si trova l 'aiuola a cumulo':

  • larghezza aiuola tra 140 e 160 cm;
  • tutti i materiali posti devono essere ben inumiditi;
  • nel mezzo sul fondo (livello terreno) mettere rifiuti a decomposizione lenta, come rami (circa 25 cm);
  • poi strato di zolle erbose rovesciate;
  • fogliame + rifiuti di giardino (sfalci d'erba, ortiche,etc..), circa 20 cm;
  • letame parzialmente decomposto oppure compost fresco ricco di vermi, circa 15 cm;
  • strato esterno: compost fine e maturo mescolato con la terra del posto, circa 25 cm.

In permacultura (vedi "Introduzione alla permacultura" di B. Mollison e R. M. Slay) esiste la possibilità di creare l'orto istantaneo, realizzato tramite pacciamatura a tappeto:

  • stato di infestanti falciate;
  • cospargere sulla superficie uno strato di dolomite (+ solfato di calcio idrato per terreni molto argillosi) + pollina o farina di sangue e ossa;
  • si possono anche spargere uno o due secchi di composto e fieno con semi di infestanti;
  • poi coprire completamente con cartoni, giornali, feltro, vecchia moquette, linoleum o vestiti, compensato multistrato, truciolato, etc..(tutti materiale organici);
  • bagnare bene;
  • strato di circa 7,5 cm stallatico o pollina mescolati a segatura, terriccio di foglie rastrellate e alghe;
  • 15 cm circa di aghi di pino, pula di riso, gusci di noci, baccelli di cacao, terriccio di foglie o foglie rastrellate, alghe, paglia secca (non fieno) corteccia, trucioli, segatura (da soli o mescolati insieme);
  • bagnare bene

In agricoltura sinergica (si trovano facilmente in rete gli appunti di emilia Hazelip, ideatrice dell'agr. sin.) l'orto si forma su dei bancali:

  • si creano bancali trapezoidali larghi 120 cm, alti 30/50 cm e lunghi non più di 4-5 m;
  • passaggi tra i bancali di circa 80 cm;
  • si utilizza terra locale, se è carente di materia organica, si aggiunge compost o sterco molto decomposto senza interrarli troppo;
  • si rastrellano le superfici;
  • posizionare impianto d'irrigazione;
  • pacciamatura: materiale migliore è la paglia non pressata e ben aerata prima della posa(migliore quella di grano o orzo), ma si possono usare anche foglie, potature triturate, piume, lana di pecora oppure carta di giornale e cartone tagliati a strisce;
  • per i passaggi si usa segatura (senza colla) che, una volta diventata scura, può integrare la pacciamatura dei bancali.
A seconda dei tempi di compostaggio si distinguono 3 tipi di compost:

1) compost fresco (dopo 2/4 mesi)

2) compost pronto (dopo 5/8 mesi)

3) compost maturo (dopo 12/18/24 mesi)


1) il compost fresco è un materiale ancora in corso di trasformazione biologica ed è ricco di elementi nutritivi. Si può utilizzare per la concimazione dell’orto ad una certa distanza di tempo dalla semina o dal trapianto della coltivazione. Da evitare il contatto diretto con le radici.

2) il compost pronto è un materiale già stabile in cui l’attività biologica non produce più calore. E’ utilizzabile per fertilizzare l’orto o il giardino subito prima della semina o del trapianto.

3) il compost maturo è il compost che possiede il minor effetto concimante, ma che presenta caratteristiche idonee al contatto diretto con le radici e i semi. E’ indicato soprattutto come terriccio per le piante in vaso e per le risemine e i rinfittimenti dei prati.
--

3 commenti:

selvatici ha detto...

Ciao e buon lavoro ... pratico e virtuale!!

noa ha detto...

Grazie!!è dura da 'novellini', ma da qualche parte bisogna cominciare...e complimenti per il vostro blog!

Anonimo ha detto...

La preparazione del terreno usata nel metodo dell'orto istantaneo è a mio avviso sicuramente la più rapida ed efficace!

Poi sul come creare le aiuole o i bancali ci si può affidare ad altri metodi come il sinergico.
Il più ordinato si ottiene creando le aiuole all'interno di sponde di legno fissate in precedenza al terreno, ottenendo così aiuole ben distinte dai camminamenti, che si possono lasciare ricoperti d'erba.